Categories:

Poesie del bosco

Poesie del bosco

Che magia svegliarmi nel bosco!
Accarezzare il rumore dei rami e
sentire sulla pelle la carezza del vento.
Camminare fra i sentieri come un esploratore
e sorridere incantato…
Scorgere lo scoiattolo che salta silenzioso
e ammirare il lupo che da lontano osserva
per non disturbare questa magia.
Se alzo gli occhi vedo i grandi Pini
fino al cielo,
e giù a terra tanti variopinti fiorellini
che sembrano sorridere al passante.
Forse il tempo si è fermato…
la mano dell’uomo non ha modificato
la “Silva” di un tempo
E’ un’orchestra di suoni silenziosi
E’ la natura che canta
Sappiamola ascoltare.


Da lontano vedo una montagna
Un amico mi accompagna
Mi inoltro in un sentiero
Non ci credo, è proprio vero!
Un fiore è già sbocciato
Osservo ciò che lui ha creato.
Arrivati alla montagna riposiamo
Così il panorama osservare possiamo
E’ tutto meraviglioso!
Scendiamo a valle, ma a un tratto ho paura
L’uomo sta rovinando la pianura
Là dove c’era un bambino allegro e spensierato
Ora c’è un’industria costruita da un uomo spietato
La madre di Dio ha creato il meraviglioso
La mano dell’uomo ha rovinato ogni cosa


Passeggio nel bosco a primavera
e torno a casa solo la sera.
Ma nell’arco della giornata
quante cose ho osservato!
Vedo gli scoiattoli qua e là saltare
e gli uccelli nel cielo volare,
gli orsi dal letargo  che si stanno per risvegliare,
e le farfalle sui fiori svolazzare.
Poi il sole
con i suoi caldi raggi
alberi e prati fa riscaldare.
E gemme, foglie e viole
fa germogliare
perché tutte insieme possano ballare
nell’incanto di un paesaggio naturale.

Istituto omnicomprensivo - Longobucco (CS)

  • Written by Redazione